Ma… mi mancano 30 milioni di euro!

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, e altri sette finanziatori sono stati indotti a investire in un fondo dal nome “Kidman” perché collegato e garantito da Hsbc (una delle più grandi banche di investimento mondiali). Gli investitori si aspettavano entro il 30 giugno scorso un maxi rendimento da
33,1 milioni di Euro, che però non è arrivato.

E allora ecco che i danneggiati, quest'estate, si sono rivolti al tribunale chiedendo un intervento urgente di tutela. La loro azione si basava su documento che sembrava provenisse dalla banca d'investimento, che poi si è rivelato falso. Proprio su questo si fonda la sentenza della Corte Commerciale inglese, che ha verificato come il denaro fosse stato investito in altri modi e non come promesso.
Non è certamente la prima volta che rimaniamo stupiti di fronti al caso di chi, come Antonio Conte, può permettersi i migliori consulenti finanziari eppure riesca a farsi truffare per milioni di Euro senza averne il minimo sospetto.
Vediamo allora insieme qualche consiglio perché ciò non accada a nessuno, anche su investimenti di cifre nettamente più contenute.
Oggi vengono sviluppati sistemi di Home Banking per tutti, ovvero sistemi di collegamento con la Banca via Internet attraverso il computer o qualunque altro dispositivo connesso alla rete (smartphone, tablet…): dovunque voi siate, potete collegarvi alla vostra banca ed effettuare operazioni,
come il pagamento di una bolletta, di un MAV o di un RAV, acquistare e vendere titoli sul vostro dossier, effettuare un bonifico, pagare un F24, etc.
Da qui la prima regola: non chiedete mai a nessuno di aiutarvi nelle operazioni di Home Banking, a meno che non sia una persona più che fidata, come un familiare stretto in cui riponete totale fiducia. Questo significa che non dovete mai dare a nessuno la possibilità di conoscere la vostra
password o il vostro numero dispositivo per ultimare le operazioni. Questa è la prima regola d’oro.
Oltre ad avere il vostro consulente finanziario, che deve essere abilitato e iscritto all’albo professionale, dotatevi anche di un Consulente Finanziario Indipendente che controlli l’operato dei Consulenti Finanziari di Banca e di Rete di Promozione.
Non dovete mai credere a promesse di rendimento, soprattutto se troppo elevate. Imparate a conoscere la realtà finanziaria informandovi sugli strumenti: come sono fatti? Di cosa sono composti?
Così come conoscete il prezzo delle zucchine al chilo, così potete conoscere i Tassi di Mercato. È la stessa procedura.
Non investite mai su un unico titolo. Controllate che il titolo sia quotato sul Mercato e non sia un titolo “non quotato”.
Controllate spesso, ogni due o tre mesi, i vostri investimenti. Comprenderete se il vostro portafoglio è efficiente.
Infine, un ultimo consiglio: ascoltate il vostro istinto e il vostro buon senso. Dopo aver preso conoscenza degli argomenti trattati, dopo aver sviluppato una buona curiosità verso l’argomento, se la persona o i modi adottati non vi piacciono, qualcosa non vi tornasse, o qualcosa di ciò che è stato
spiegato in precedenza non viene rispettato, lasciate perdere.
…vi auguro Buoni Conti… al contrario di Conte. Ad maiora!
Dott. Gianandrea Gaspar
Per CODICI Lombardia
Centro per i Diritti del Cittadino

 

Stampa Email

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazone degli utenti